Pia Virgilio

Restauratrice di opere ceramiche, sono nata in Sicilia nell’antico centro ceramico di Sciacca e nel 2003 ho aperto a Milano il mio laboratorio. Oggi svolgo la mia attività all’interno del palazzo Ronzoni Lalatta, in Via Santa Maria Fulcorina.

Pia Virgilio – Formazione

Pia Virgilio Restauro ceramiche Milano

Pia Virgilio – Restauro ceramiche Milano

La passione per la cultura della ceramica ha costituito per me un filo che ha cucito la mia storia personale. Dalla mia formazione ai più importanti momenti professionali.

Il percorso formativo mi ha portata a Faenza dove mi sono diplomata nel 1992. Qui ho frequentato lo storico Istituto Statale d’Arte per la Ceramica G.Ballardini.

Mi sono specializzata nel restauro conservativo ed estetico di terracotta, maiolica, porcellana, biscuit, gres e metallo smaltato.

Formazione a Faenza

A Faenza la sezione di Restauro dell’Istituto unificava, in modo eccellente, le due anime della ceramica. Quella artistica e quella tecnologica, lasciandomi così in eredità un modo di approcciarmi all’opera che riflette bene questa complessità.

Oggi, infatti, il mio lavoro di restauro si contraddistingue per l’attenzione al dettaglio, la precisione delle ricostruzioni e un ritocco meticoloso, sempre attento al rispetto dell’originale.

Gli anni di bottega

Tale attività si svolge senza mai perdere di vista la Storia, quella che crea una civiltà, un gusto, una cultura.

Contemporaneamente la costante attenzione ai nuovi materiali, alle tecniche più innovative per la conservazione e il restauro sono diventate nel tempo l’espressione della mia autentica passione. Portandomi ad approfondire la storia dell’arte ceramica e le sue tecniche esecutive.

Dopo il diploma sono seguiti laboratori illustri, i corsi e i seminari di aggiornamento.

Fino alla maturità professionale raggiunta durante gli anni di bottega con la restauratrice faentina Anna Grossi. I lavori di maggior rilievo in collaborazione con il suo studio, sono stati il restauro della Deposizione quattrocentesca di Viadana – Mn – (eseguito in collaborazione con il CNR di Faenza) e quello dei servizi da tavola delle collezioni del Quirinale.

Specializzazione nel restauro della ceramica

Inizialmente mi sono specializzata sulla maiolica rinascimentale italiana.

Poi sono approdata, negli anni successivi, all’ approfondimento su tutte le produzioni settecentesche europee.

Con l’arrivo a Milano, insieme all’avvio degli studi peritali, si è realizzato lo stimolante incontro con le opere ceramiche d’autore del Novecento. Lucio Fontana, Fusto Melotti, Pablo Picasso, Arturo Martini, Giò Ponti, Marino Marini. Ma anche  Baj, Crippa, Dorazio, Malevic, Valentini. E i tantissimi artisti che, a partire dal secolo scorso, hanno subito la potente fascinazione del mondo ceramico. Questi artisti hanno scelto di sviluppare una parte delle proprie produzioni artistiche attraverso le sperimentazioni con le terre e con il fuoco.

Per lo sviluppo delle mie tecniche di restauro sono arrivate quindi ulteriori evoluzioni, capaci di affrontare le innumerevoli complessità richieste dalle superfici ceramiche moderne.

Il restauro, una sfida continua

Un esempio fra tutti quelle delle opere di Fausto Melotti, una autentica sfida tecnica. Sfida sia per la sottigliezza dei modellati a guscio d’uovo, che per l’esuberanza degli effetti cromatici di superficie. Senza dimenticare la convivenza degli effetti lucidi e matti.

Oggi il mio Laboratorio può vantare un’ampia clientela. I miei clienti arrivano sia dall’ambito privato (collezionisti, antiquari, case d’asta e gallerie d’arte) che pubblico. Eseguo abitualmente importanti lavori per Enti pubblici, Fondazioni e Musei.

Di grande interesse sono state, e sono tutt’ora, le collaborazioni con il FAI, la Fondazione Melotti e la Soprintendenza per gli interventi sui beni tutelati.